You are here
OSH_006234.jpg

La valutazione dei rischi: ruoli e responsabilità

La sicurezza e la salute dei lavoratori viene tutelata in Europa attraverso un approccio basato sulla valutazione e sulla gestione dei rischi. Per poter attuare un’efficace valutazione dei rischi sul posto di lavoro, tutte le persone coinvolte devono avere una buona comprensione del contesto giuridico, dei concetti, del processo di valutazione dei rischi e del ruolo svolto dagli attori principali interessati dal processo.

Ruoli e responsabilità dei lavoratori

È importante che i lavoratori partecipino al processo di valutazione dei rischi. I lavoratori conoscono le problematiche e sanno come si svolge in dettaglio l'adempimento delle loro mansioni o attività; per questo motivo dovrebbero essere coinvolti nel processo di valutazione. Le loro conoscenze o competenze pratiche, inoltre, sono spesso necessarie per elaborare misure di prevenzione efficaci.

La partecipazione dei lavoratori non è soltanto un diritto, bensì un'azione fondamentale per assicurare una gestione della sicurezza e della salute sul lavoro efficiente ed efficace da parte del datore di lavoro.

I lavoratori e/o i loro rappresentanti hanno il diritto/dovere di:

  • essere consultati in merito all'organizzazione della valutazione dei rischi e alla nomina delle persone incaricate di effettuarla;

  • partecipare alla valutazione dei rischi;

  • avvertire i supervisori o i datori di lavoro sugli eventuali rischi percepiti;

  • segnalare i cambiamenti sul luogo di lavoro;

  • essere informati sui rischi per la loro sicurezza e salute e sulle misure necessarie per eliminare o ridurre tali rischi;

  • essere coinvolti nel processo decisionale relativo alle misure di prevenzione e di protezione da mettere di atto;

  • chiedere al datore di lavoro di attuare misure adeguate e di presentare proposte per ridurre al minimo i rischi o rimuovere il pericolo alla fonte;

  • cooperare per consentire al datore di lavoro di garantire un ambiente di lavoro sicuro;

  • ricevere formazione/istruzioni sulle misure da mettere in atto;

  • prendersi cura, per quanto possibile, della loro sicurezza e salute e di quella di coloro che potrebbero subire le conseguenze delle loro azioni, in conformità della formazione e delle istruzioni ricevute dal datore di lavoro.

Inoltre, è importante che i rappresentanti dei lavoratori ricevano una formazione adeguata, tale da consentire loro di comprendere la valutazione dei rischi e di essere consapevoli del proprio ruolo all'interno della stessa.

Ruoli e responsabilità dei datori di lavoro

Rientrano fra le responsabilità dei datori di lavoro la puntuale preparazione di ciascuna attività nell'ambito della valutazione dei rischi nonché l'attuazione delle misure necessarie per proteggere la sicurezza e la salute dei lavoratori. A tal fine, si raccomanda ai datori di lavoro di adottare un piano d'azione per l'eliminazione e il controllo dei rischi.

Il piano d'azione dovrebbe includere:

  • commissione, organizzazione e coordinamento della valutazione

  • nomina di personale competente in grado di svolgere le valutazioni

    • la valutazione del rischio può essere svolta da:

      • i datori di lavoro stessi

      • lavoratori designati dai datori di lavoro

      • addetti alla valutazione e fornitori di servizi esterni se in azienda non sussistono le necessarie competenze

    • Le persone incaricate dal datore di lavoro di effettuare le valutazioni dei rischi possono dare prova della loro competenza, dimostrando le seguenti capacità:

      • una comprensione dell'approccio generale alla valutazione dei rischi

      • la capacità di applicare queste conoscenze sul posto di lavoro

      • la capacità di identificare le situazioni in cui non sarebbero in grado di valutare i rischi in modo adeguato senza un aiuto e la capacità di segnalare la necessità di ulteriore assistenza

  • consultare i rappresentanti dei lavoratori in merito alle disposizioni per la nomina delle persone che effettueranno le valutazioni

  • fornire le informazioni, la formazione, le risorse e il sostegno necessari ai valutatori dipendenti dei datori di lavoro

  • garantire un adeguato coordinamento tra i valutatori (se del caso)

  • coinvolgere la direzione e incoraggiare la partecipazione della forza lavoro

  • decidere le linee direttrici per il riesame e la revisione della valutazione dei rischi

  • garantire che le misure di prevenzione e di protezione tengano conto dei risultati della valutazione

  • assicurare che la valutazione dei rischi sia documentata

  • monitorare le misure di protezione e di prevenzione, per garantirne l'efficacia nel tempo

  • informare i lavoratori e/o i loro rappresentanti dei risultati della valutazione e delle misure introdotte (mettere a loro disposizione le registrazioni).

Suggerimenti per chi valuta i rischi

Le persone incaricate di svolgere le valutazioni dei rischi sul lavoro devono essere a conoscenza di e/o essere informate su:

  • i pericoli e i rischi già noti nonché le modalità con cui si verificano;

  • i materiali, le attrezzature e le tecnologie impiegate sul lavoro;

  • le procedure di lavoro, l'organizzazione dell'attività lavorativa e l'interazione dei lavoratori con i materiali utilizzati;

  • il tipo, la probabilità, la frequenza nonché la durata dell'esposizione ai pericoli. In alcuni casi ciò potrebbe comportare l'applicazione di tecniche di misurazione moderne e convalidate

  • il rapporto tra l'esposizione a un pericolo e il suo effetto;

  • le norme e i requisiti giuridici pertinenti ai rischi presenti sul luogo di lavoro;

  • ciò che è ritenuto buona prassi nei settori non regolamentati da norme specifiche.

I datori di lavoro devono assicurarsi che chiunque effettui la valutazione dei rischi, che si tratti di un dipendente o di un consulente esterno, parli con i lavoratori o con altre persone, come i contraenti, che effettivamente svolgono l'attività esaminata.

Quando i dipendenti di datori di lavoro diversi operano nello stesso luogo di lavoro, i valutatori dei rischi possono aver bisogno di condividere informazioni concernenti i rischi e le misure di protezione della salute e della sicurezza messe in atto per far fronte a tali rischi. Spetta quindi al datore di lavoro favorire questo scambio di informazioni.